Nel laboratorio troverai argille bianche, rosse, refrattarie, strumenti di lavoro (stecche, mirette, rasiere, tornielli, stampi, colori ceramici, cristallina) una trafila, torni elettrici, e un forno per le cotture della ditta De Marco a basso fuoco.

È importante specificarlo, perché cuocere l'argilla pone vincoli importanti legati alla temperatura.

Alcune argille possono cuocere soltanto a temperature che non superano i 1000°, perciò sono definite argille per bassa temperatura, generalmente sono quelle del bacino del Mediterraneo o di territori geologicamente ancora giovani, mentre l'alta temperatura riguarda argille come la porcellana o il gress, che necessitano di temperature fino ai 1300°.

Il fascino delle cotture a basso fuoco sta nel fatto che le argille durante la lavorazione hanno una maggiore morbidezza che si può intuire anche dopo la cottura grazie al suono cristallino dei pezzi che tintinnano al tocco delle dita o di uno strumento. Il fuoco più dolce della bassa temperatura non esaspera i colori spingendoli al limite della fusione, ma li "corteggia" e li esalta permettendo loro di esprimere al meglio la profondità e la brillantezza dei toni. Un manufatto cotto a bassa temperatura conserverà sempre un aspetto "grezzo" e materico, fedele alla consistenza della terra.

I CORSI DI CERAMICA

5 IMG-20200627-WA0017.jpg
IMG-20190118-WA0011.jpg

Lavorare l’argilla è un gioco manipolativo adatto a qualsiasi età: permette di entrare in contatto con parti di noi spesso assopite, nascoste, o che noi adulti, a differenza dei bambini, non conosciamo più.

 

Nel nostro laboratorio ti puoi iscrivere in qualsiasi momento dell’anno, non c’è distinzione tra principianti ed avanzati, ognuno è seguito singolarmente e in maniera collettiva.

Affronterai un percorso dove ti saranno proposte le tecniche di pinch, lastra, lastra su stampo, bassorilevo, tuttotondo e colombino. Ti insegneremo a rifinire e decorare i tuoi lavori con gli ingobbi, colori a gran fuoco e smalti.

 

Ti daremo gli strumenti base per poter realizzare i tuoi progetti in autonomia.

Il tornio è uno strumento antichissimo. Sembra accertato il suo utilizzo già nel 5000 a. C.

Generalmente si lavorano al tornio pezzi da produrre in serie: tazze, brocche, bicchieri, ecc., o comunque oggetti d'uso.

La creatività del ceramista il suo gusto e una strizzata d'occhio al design consentono di produrre anche oggetti non seriali o  con forme originali nelle quali si puó riconoscere lo stile di chi le realizza.

Le fasi di lavorazione del tornio sono: impastare la massa d'argilla, centrare la massa sul disco girevole, aprire la massa per creare il vuoto interno, sollevare le pareti, dare una forma all'oggetto.

Una volta asciugato, il pezzo si ritornisce, cioè si centra sul disco ma questa volta capovolto per rifinire la forma con degli strumenti e per creare il piede.

Per completare l'oggetto si colora e si cuoce in forno per ceramica.

FOTO 8.jpg

Questo corso ti guiderà lungo un percorso di conoscenza e
approfondimento: aspetti storici, design, psicologia della forma e del colore. Potrai creare il tuo
originale gioiello "scultura" partendo dal progetto grafico; riceverai il nostro supporto tecnico e
potrai utilizzare i materiali e gli strumenti presenti in laboratorio.

Vuoi iniziare un corso con Noi?